Le strutture tra scienza, tecnica e arte

“Lo Strutturista” è la grande novità del panorama editoriale tecnico italiano.

La prima rivista per gli strutturisti italiani

Focus, dossier tecnici, casi studio, analisi e studi innovativi con firme prestigiose.

La serie comic sul mondo dell'ingegneria strutturale

Su ogni numero della rivista, due puntate inedite de "L'Ingegner Pino".

previous arrow
next arrow
Slider
Lo Strutturista - La prima rivista dedicata agli strutturisti italiani

Lo Strutturista è un trimestrale cartaceo distribuito in abbonamento che intende costruire un dialogo tra gli esperti del settore ed il professionista attraverso tematiche che spaziano dalla ricerca scientifica alle analisi strutturali fino alla comunicazione e l’urbanistica, per citarne alcune. La varietà dei tecnici che fanno parte della redazione (ingegneri, architetti, urbanisti, geologi, avvocati) consente dei punti di vista trasversali sulla materia offrendo spunti di riflessione a tutta la comunità scientifica. La rivista ha come obiettivo di diventare un riferimento per l'ingegneria strutturale attraverso l'analisi di problematiche, case study e testimonianze di esperti del settore e docenti universitari. Il payoff "Le strutture tra scienza, tecnica e arte" è voluto per evidenziare lo stretto legame tra la complessità delle opere strutturali e la bellezza della materia così complessa ma al contempo affascinante e storica.

Focus tematico

Un dossier interamente dedicato alle ultime novità.

Casi studio

Le soluzioni progettuali più ambiziose e creative.

Storia delle strutture

Le strutture storiche analizzate da strutturisti.

Innovazione e ricerca

Ultime novità sui metodi di analisi strutturale.

Urbanistica e legislazione

Supporto in tutte le fasi dell'iter progettuale.

Normativa e comunicazione

Confronti, analisi e interviste affini alla professione.

Professori Universitari, importanti Studi di progettazione, tecnici specializzati collaborano con la nostra Redazione per la realizzazione de "Lo Strutturista". Ogni numero presenta firme eccellenti dell'ingegneria strutturale con rubriche pensate per offrire il meglio ai tecnici italiani.

Da sinistra: Prof. Giovanni Buratti, Ing. Carlo Sigmund, Ing. Daniele Borgoni, Ing. Massimo Majowiecki, Prof. Nicola Casagli, Ing. Carlo Pagliai, Prof. Ing. Mario De Miranda, Prof. Ing. Federico M. Mazzolani

Ing. Braian Ietto

Direttore responsabile. Ingegnere Civile di Lucca, fondatore del blog “Ingegneria e Dintorni” e dell’omonima pagina Facebook, seguita da oltre 200.000 persone. Appassionato di consolidamento e recupero strutturale, ha improntato la sua attività cercando di rivisitare, alla luce delle nuove tecnologie, le tecniche dell’ingegneria storica.

Ing. Vincenzo Nunziata

Coordinatore scientifico. Laureato in Ingegneria civile, inizia la sua carriera in qualità di strutturista presso uno studio tecnico di ingegneria, collaborando al consolidamento e alla ricostruzione di numerosi edifici in muratura ed in c.a. danneggiati dal sisma in Irpinia del 1980. Autore di numerosi testi di successo dell’ingegneria strutturale.

Ing. Leonardo Bandini

Coordinatore scientifico. Laureato in Ingegneria Civile, si appassiona da subito alle metodologie avanzate di protezione sismica delle strutture, tanto da iniziare un’attività di ricerca con l’Università di Udine, che gli permette di entrare in contatto con i più prestigiosi ambienti di ricerca internazionali.

L’Ingegner Pino

Il personaggio delle strisce a fumetti diventato ormai un cult del settore, sarà presente sulla rivista con ben due puntate inedite. L’ingegner Pino prova a raccontare in maniera veloce e senza prendersi troppo sul serio un mondo fatto di piccole e grandi contraddizioni, luoghi comuni, inconvenienti e situazioni divertenti.

Il ponte strallato: soluzione strutturale e architettonica moderna, efficiente e durevole

Ing. Mario De Miranda

L’uso dell’interferometria radar satellitare per il monitoraggio dei cedimenti di edifici

Prof. Nicola Casagli

Ingegneria parametrica: Steampunk tra ricerca, fabbricazione e innovazione

Ing. Marco Pellegrino Ing. Sara Andreussi